Assign modules on offcanvas module position to make them visible in the sidebar.

Storia Mazara Calcio
Mazara Calcio A.S.D.
Mazara Calcio A.S.D.
Mazara Calcio A.S.D.
Mazara Calcio A.S.D.

cortese monrealeQuella disputata sul manto erboso del Santo Canale a Tommaso Natale tra Monreale e Mazara, è stata una partita che ha offerto non poche emozioni.

I Padroni di casa e gli ospiti non sono rimasti a guardarsi e dalle prime battute di gioco si sono affrontati a viso aperto. Il Monreale era orfano dell’ex canarino Cristian Giacalone, infortunato. Il Mazara ha dovuto rinunciare a Calicetto e Spadaro per infortunio e a mister Brucculeri, squalificato. In Panchina il portiere Keita, tra i pali, debutto in campionato per Di Carlo, autore di una grande prestazione. In difesa sugli esterni Grippi e Di Mercurio, al centro Ciancimino e Licata, presente in tutte le zone del campo. A centrocampo capitan Palazzo con Favero e Sciara. In attacco Gomez e Rosella esterni e nel ruolo di punta centrale il bomber Cortese (nella foto). Entrambi le squadre hanno dimostrato che volevano conquistare i tre punti! Il Mazara ha iniziato guardingo, guardingo studiando bene le mosse dell’avversario, il Monreale ha cercato di pungere subito, ma nella prima parte della gara è stato pericoloso solo in una circostanza, su calcio piazzato di Russo che con un tiro a rientrare ha costretto Di Carlo ad una respinta di pugni. Il resto della prima parte della gara ha visto protagonista il portiere Ilardi costretto a compiere prodezze per evitare di subire gol dai gialloblu. Mazara pericoloso con Gomez, Cortese, Favero autore della traversa colpita a portiere battuto e Licata. Un buon Mazara che nel primo tempo ha saputo domare l’avversario, giocando bene e deliziando il pubblico presente con ottime geometrie di gioco. Canarini che su una delle belle azioni create è andato in vantaggio con El Matador “Cortese” che di testa ha trafitto il bravissimo Ilardi. Nella ripresa, come prevedibile, il Monreale ha cercato di fare male ai gialloblu, ma spesso le iniziative di gioco venivano interrotte dalla grinta e forza di reazione dei mazaresi. Solo in un paio di occasioni i padroni di casa si sono presentati a tu per tu con Di Carlo che si è opposto da campione negando la gioia del gol del pareggio. Gran finale dei canarini che hanno premuto sull’accelleratore trovando il gol del “Principe” Favero che ha tempo scaduto ha messo al sicuro il risultato-vittoria in favore del Mazara. Una vittoria, la prima in trasferta di questo campionato che ha dato grande serenità a tutto l’ambiente canarino, dopo le due sconfitte consecutive subite dal Dattilo e Cus Palermo. Un Mazara rigenerato che sta trovando le giuste geometrie di gioco e una migliore condizione atletica. Un voto positivo a tutti coloro che sono scesi in campo con la giusta concentrazione, grande voglia di vincere e grande attaccamento alla maglia. Adesso un pieno e meritato lunedi di riposo per la squadra che ritornerà ad allenarsi martedi mattina in vista del ritorno degli ottavi di Coppa Italia che si disputerà mercoledi 4 ottobre a Paceco contro il Dattilo.

MONREALE: Ilardi, Zangara, Canzoneri, Esposito, Zammitti (28° Di Fatta), Morello, Tuzzolino (1°s.t. De Luca), Mazzamuto (34° Filippone), Nuccio Stefano (13°s.t. Fenech), Russo (42°s.t. Turco), Nuccio Daniele, A disposizione: Lo Piccolo, Marceca. All. Santo Marramaldo

MAZARA: Di Carlo, Di Mercurio, Grippi, Palazzo, Licata, Ciancimino, Gomez, Favero, Cortese (30°s.t. Seckan), Rosella (45°s.t. Sammartano), Sciara. A disposizione: Keita, Acquaviva, Ms Bah, Giacalone, Impeduglia.

ARBITRO: Carlo Virgilio della sezione di Agrigento.
ASSISTENTI: Federico Severino e Silvestro Messina, entrambi della sezione di Catania

RETI: 30°p.t. Cortese, 46°s.t. Favero

AMMOMITI: Di Mercurio (Ma), Favero (Ma), Zangara (Mo), Morello (Mo), Mazzamuto (Mo), Russo (Mo), Di Fatta (Mo).

ANGOLI: 8-0 Per il Mazara.

RECUPERI: 3 Minuti nel primo tempo; 4 Minuti nel secondo tempo.

NOTE: Al 14°s.t. Espulso l’allenatore del Monreale, Santo Marramaldo per proteste. Sugli spalti una rappresentanza della tifoseria ospite. La gara si è disputata presso il campo “Santo Canale” di Tommaso Natale.

LA CRONACA

PRIMO TEMPO

15° Calcio di punizione alla destra della tre quarti mazarese. Sulla battuta va Russo che calcia a rientrare direttamente in porta. Piazzatissimo Di Carlo che si alza più di tutti e respinge di pugni la sfera.

16° Rosella appoggia per Cortese che si libera del suo diretto avversario e lancia in area Gomez che tenta il pallonetto, bravissimo Ilardi che con un colpo di reni, devia in angolo, salvando la sua squadra dalla capitolazione.

22° Fuga di Rosella sulla fascia destra, vede ben piazzato al centro dell’area di rigore Cortese e lo serve. El Matador aggancia di testa e indirizza la palla nello specchio della porta. Para Ilardi.

25° Il Mazara sembra trasformato e ci mette l’anima per passare in vantaggio. Dalla distanza Favero lascia partire una rasoiata che colpisce la traversa.

28° Il Monreale è costretto ad effettuare la prima sostituzione. Zammitti dopo uno scontro con un giocatore mazarese, cade a terra e accusa uno stadio confusionale. Il giocatore viene sostituito da Di Fatta.

30° Il Mazara passa in vantaggio! Ancora pericolosissimo Rosella che palla al piede fugge sulla fascia destra e lascia partire un cross calibrato per l’accorrente Cortese che colpisce benissimo di testa e infila imparabilmente alle spalle di Ilardi.

39° Il bravo portiere Ilardi evita il raddoppio del Mazara. Nella tre quarti del Monreale, Licata batte una punizione a rientrare in porta, tra i pali il bravissimo Ilardi, in tuffo, deve compiere un ennesima prodezza per evitare un altro gol gialloblu.

40° L’onnipresente Licata batte un corner. Gomez di testa aggancia e spedisce fuori.

L’arbitro decreta 3 minuti di recupero.

47° Licata calcia una punizione che finisce alta sopra la traversa.

SECONDO TEMPO

Il Mazara ritorna in campo che gli stessi undici di prima. Il Monreale dal 1°minuto lascia negli spogliatoi il giovane Tuzzolino, al suo posto De Luca.

13°s.t. Nei padroni di casa esce Stefano Nuccio, dentro Fenech.

14°s.t. L’arbitro si avvicina alla panchina del Monreale ed invita mister Marramaldo ad allontanarsi dal terreno di gioco.

20°s.t. Il Mazara usufruisce di un calcio di punizione dalla zona sinistra della tre quarti del Monreale. Calcia Licata e Ilardi dice ancora di no, deviando in angolo.

30°s.t. Il Mazara cambia Cortese con Seckan.

31°s.t. Azione goal del Monreale! Verticalizzazione per lo sgusciante Daniele Nuccio che entra in area e viene anticipato di un soffio dall’attentissimo Di Carlo che sventa una grande minaccia.

33°s.t. Il Mazara potrebbe raddoppiare! Dalla fascia destra Di Mercurio mette in mezzo un pallone per Favero che a poca distanza di Ilardi, spreca permettendo all’estremo difensore di anticiparlo nell’uscita.

34°s.t. Il Monreale cambia Mazzamuto con Filippone.

35°s.t. Azione pericolosa del Mazara. Gomez da posizione defilata fa fuori il suo diretto avversario e crossa con la sfera che attraversa la vicina linea di porta senza che nessun attaccante canarino arrivi a spingerla dentro.

39°s.t. Salvataggio miracoloso del portiere Di Carlo. La difesa si ferma per fare il fuorigioco, lo sgusciante De Luca con la palla al piede penetra in area di rigore, tira e miracolosamente Di Carlo para, evitando il pareggio del Monreale.

42°s.t. Quinta ed ultima sostituzione del Monreale. Fuori Russo, dentro Turco.

L’arbitro assegna 4 minuti di recupero.

46°s.t. Raddoppio del Mazara. Dalla sinistra pericolosa azione di Gomez che effettua un assist al bacio per l’accorrente Favero “Il Principe” che a volo di piatto destro batte imparabilmente il bravissimo Ilardi. 0-2 e la vittoria è servita!

(Nella foto di Francesco Arcoleo, l’attaccante Roberto Cortese)

Piero Campisi