Mazara – S.C. Marsala 1912 3-0 Una doppietta di Giannusa e un rigore di Concialdi nel derby vittoria

La gestione tecnica di mister Totò Aiello continua a dare i suoi frutti al Mazara. In tre gare ha totalizzato 7 punti, frutto del pareggio casalingo con il Cus Palermo, della vittoria di domenica scorsa a Caccamo e del vittoria odierna per 3-0 sul Marsala 1912 dell’ex tecnico canarino Massimiliano Mazzara, oggi in gradinata perché ancora squalificato. I gialloblu nelle ultime tre gare hanno subito una sola rete, realizzandone 7. In tribuna a vedere il derby, il neo assessore allo sport del Comune di Mazara, Luca Bono. Oggi, nel derby contro gli azzurri marsalesi è sceso in campo un Mazara, che tatticamente è stato la copia di quello visto una settimana fa a Caccamo, con Concialdi play maker davanti la difesa, ispiratore della manovra canarina e faro della squadra. Grande mattatore della giornata, il solito Giannusa che con l’avvento di Aiello è esploso con gol a raffica. Il Marsala ha iniziato bene la gara, ottimo pressing e geometrie di gioco che hanno portato la squadra ad attaccare, collezionando 4 calci d’angolo nei primi dieci minuti ma senza impaurire più di tanto la retroguardia mazarese. Da premettere che i canarini oggi erano assenti di Lauricella per infortunio e con Caronia e Baiata relegati in panchina perché anche loro con vari acciacchi. Alla prima azione pericolosa dei gialloblu, al 12° il Marsala subisce il primo gol, grazie a Giannusa che all’interno dell’area riceve la palla e con un preciso diagonale batte Bevilacqua. Il Marsala con sterili attacchi non impensierisce Ceesay sempre pronto a controllare qualche sporadico tiro non insidioso. Il Mazara segna il raddoppio ancora nel primo tempo al 31° sempre con Giannusa che riceve palla a centrocampo, fuga verso la porta di Bevilacqua, bravo l’attaccante mazarese a bucarlo, segnando la doppietta personale. Nella ripresa i canarini chiudono il conto, serpentina in area di Giannusa che al momento del tiro viene strattonato a terra da Agate, l’arbitro assegna il rigore che viene calciato con effetto a cucchiaio dal fantasista Concialdi che metta la firma alla vittoria derby. Nel finale bravo Ernandez, subentrato a Bevilacqua che neutralizza due occasioni gol dei gialloblu.

MAZARA: Ceesay, Rizzo, Cipolla, Bilello, Virgilio, Bojang, Accardo, Lamia (1°s.t. Khaled),Giannusa (44°s.t. Salvo), Concialdi, Adelfio (38°s.t. Modou). In panchina: Firriolo, Caronia, Baiata. All. Toto’ Aiello
MARSALA 1912: Bevilacqua (22°s.t. Ernandez), Lo Bue, Di Costanzo, Fecarotta (34°p.t. Lombardo), Agate, Guaiana (22°s.t. Burgarella), Di Pinto (25°s.t. Tosto), Castiglione, El Bahja, Sainey (24°p.t. Barresi), Ogbebor. In panchina: Piacentino, Gonzalez Guzman, Piacentino. All. Massimiliano Mazzara

ARBITRO: Giacomo Lencioni di Lucca

ASSISTENTI: Citarda e Cracchiolo di Palermo

RETI: 12°p.t. Giannusa, 31°p.t. Giannusa, 11°s.t. Concialdi su rigore

AMMONITI: Bilello (Maz), Agate (Mar), El Bahja (Mar), Barresi (Mar)

ANGOLI: 7-4 per il Marsala

RECUPERO: 4 Minuti nel secondo tempo

Nella foto di Gianfranco Campisi, il goleador Giannusa.

Piero Campisi

Condividi