Eccellenza A: 10° giornata, le decisioni del Giudice Sportivo

SOCIETA’

Pro Favara: 400€ – Per avere, propri sostenitori, attinto ripetutamente con sputi gli ufficiali di gara.

CUS Palermo: 150€ – Per presenza di persone non autorizzate all’interno dello spiazzo antistante gli spogliatoi che assumevano reiterato contegno offensivo nei confronti dell’arbitro, a fine gara.

Marsala 1912: 25€ – Per avere indicato in distinta un proprio calciatore con data di nascita diversa da quella risultante al
tesseramento.

ALLENATORI

31/12/2018: Mutolo (CUS Palermo)

CALCIATORI

4 giornate: Murò (Caccamo)

3 giornate: Rizzo (CUS Palermo)

2 giornate: Pirrotta, Scrozzo S. (CUS Palermo)

1 giornata: Iannazzo (Dattilo), Mantovano (Sant’Agata), Sciacca, Zarcone (Mussomeli)

La gara Cus Palermo/Pro favara del 17.11.2018 ore 14.30 a causa indisponibilità campo giocasi sul campo Conca d’Oro di Monreale.

Nel comunicato ufficiale la Lega rende noto quanto segue:

Visto quanto accaduto nel Lazio, dove un giovane arbitro è stato vilmente picchiato ed ha dovuto fare ricorso alle cure ospedaliere;

Ritenendo tali atti di violenza inammissibili ed inconciliabili con lo sport, ed in particolare con il calcio, si fa appello ai Dirigenti, agli allenatori, ai calciatori ed ai tifosi delle squadre calcistiche affinché mettano in atto tutti quei comportamenti ed interventi capaci di eliminare qualsiasi forma di violenza durante le partite di calcio. Violenza e sport sono in contrapposizione, per cui i violenti non debbono essere ammessi a partecipare ad eventi sportivi di qualsiasi genere. Il calcio ha superato tanti problemi, solo la violenza può distruggerlo. Lo sport, ed il calcio in particolare, deve essere vissuto come momento di aggregazione e di superamento delle barriere culturali e sociali e mai come momento di violenza in un’arena. Sappiano tutti gli “attori”, che prendono parte ad una partita di calcio, che questa Presidenza non tollererà assolutamente alcuna azione violenta. (Santino LO PRESTI)

Condividi